Sei in: Home >>FORSE NON SAI ...>>Ricerca e innovazione>>Raggiungere nuove vette: in volo grazie a CO2 riciclata
26 agosto 2021

Raggiungere nuove vette: in volo grazie a CO2 riciclata

Secondo una ricerca pubblicata su Nature, ogni anno in media si potrebbero “recuperare” circa 500 milioni di tonnellate di anidride carbonica, evitando che finiscano nell’atmosfera. Da anni compagnie e colossi ingegneristici tentano di trovare soluzioni sempre più sostenibili per l’ambiente. Un esempio? Recuperare l’anidride carbonica e trasformarla in combustibile: un progetto messo a punto dall’Università di Oxford, che sfrutta una reazione chimica a base di ferro. Gli ingegneri chimici che hanno progettato e condotto l’esperimento sono convinti che possa essere davvero rivoluzionaria per contrastare il cambiamento climatico.
Il cambiamento climatico sta accelerando e abbiamo enormi emissioni di anidride carbonica – spiega Tiancun Xiao, ricercatore al dipartimento di Chimica di Oxford – l’infrastruttura degli idrocarburi è già a disposizione. Questo processo potrebbe aiutare ad alleviare il cambiamento climatico e utilizzare l’attuale infrastruttura di per lo sviluppo sostenibile“.

Quando i carburanti di origine fossile come petrolio o gas naturale bruciano, i loro idrocarburi si trasformano in diossido di carbonio, producendo energia e acqua. Questo esperimento ribalta dunque il processo per mutare la CO2 in carburante, usando il cosiddetto metodo a combustione organica. Come? Portando a temperature elevatissime (350 gradi centigradi) acido citrico, idrogeno e un sistema catalizzatore della CO2 composto da ferro, manganese e potassio. In questo modo la squadra di scienziati ha ricavato combustibile liquido che sarebbe in grado di alimentare i motori di un jet. Purtroppo l’esperimento è stato svolto in un reattore d’acciaio inossidabile e ha fruttato solo pochi grammi della sostanza. Per cui, come per altri sistemi basati sulla cattura dell’anidride carbonica, rimane da comprenderne la fattibilità su scala infinitamente più grande.

L’idea è adattare il progetto per catturare enormi quantitativi di CO2 sia dall’atmosfera che dalle fonti che la emettono (le fabbriche, ad esempio), per rimuoverla dall’ambiente e ricavarne combustibili da utilizzare per far decollare gli aerei. In questo modo non solo si eliminerebbe la principale fonte di gas serra, ma si potrebbe riciclarla, contribuendo a rallentare la corsa contro l’innalzamento delle temperature a livello globale. 
 

Articoli correlati