Sei in: Home >>FORSE NON SAI ...>>Salute e sicurezza>>Occhio alle zanzare!
01 giugno 2020

Occhio alle zanzare!

La caccia notturna col cuscino alla zanzara che vi ronza nell’orecchio impedendovi di dormire potrà anche aver funzionato qualche volta, ma non può certo essere una soluzione definitiva per eliminare questo fastidioso nemico. 
E neppure il caffè vaporizzato nell’aria, che sicuramente lascia un piacevole aroma, ma l’efficacia potrebbe non essere quella sperata.

Per difendersi dalle zanzare dobbiamo conoscere meglio insetticidi e repellenti e capire quali funzionano davvero e come usarli.
Anzitutto cerchiamo di conoscere  un po’ più da vicino le nostre acerrime nemiche.
In Italia sono state identificate circa 70 specie di zanzare, che si differenziano nelle abitudini e nell’habitat. Le femmine depongono le uova nell’acqua stagnante, dove avviene la fase di sviluppo delle larve, con una durata che può variare da 4 giorni a 1 mese, in base alla temperatura. Quanto vive una zanzara? Le femmine sono più longeve, sopravvivono da 1 mese a 4-5 mesi, mentre i maschi tra i 10 e i 15 giorni. La loro dieta consiste in liquidi zuccherini, dai quali traggono l’energia di cui hanno bisogno; il sangue invece è necessario alle femmine per fornire l’adeguato apporto proteico per la maturazione delle uova. 

Ma veniamo al dunque! Come possiamo difenderci? Innanzitutto eliminando i focolai di proliferazione, come i ristagni d’acqua, svuotando i sottovasi o riempiendoli di sabbia, rendendo inospitale alla deposizione delle uova ogni possibile habitat.
Il passo successivo è effettuare un intervento mirato sulle larve: in commercio esistono numerosi prodotti, tra cui le pastiglie effervescenti di antilarvale, che possono combatterle quando sono ancora in pieno sviluppo. Contro gli esemplari adulti sono invece necessari strumenti di tipo fisico-meccanico (zanzariere, ventilatori, trappole per zanzare) e repellenti, ovvero sostanze che infastidiscono a livello olfattivo la zanzara, provocandone l’allontanamento. Nello specifico, creme e spray a base di DEET (N.N-dietil-m-toluamide) o di ICARIDINA (Picaridin). Possono essere utilizzati anche piastrine e liquidi insetticidi da inserire negli emanatori elettrici, zampironi o soluzioni nebulizzanti che uccidono le zanzare durante il volo o quando si posano sulle superfici.

Questi prodotti, così come i repellenti, sono registrati dal Ministero della Salute e rispondono a precisi requisiti in termini di efficacia e sicurezza d’uso, per cui possono essere utilizzati in totale tranquillità, ma sempre seguendo le istruzioni. 

Per saperne di più visitate Puliti&felici

Articoli correlati