La chimica è...

Bell’elemento

Renio, cherchez la femme!

28 ottobre 2019

Prosegue la nostra rubrica #bellelemento: aneddoti, storie, curiosità…ma sempre Fatti, non fake!

La scoperta del renio è legata al nome di Ida Tacke Noddackchimica e fisica tedesca, che fu la prima a ipotizzare la fissione nucleare (senza essere presa in considerazione, in quanto donna). Sposò il Dr. Walter Noddack, suo capo nel laboratorio statale di chimica presso cui lavorava, con il quale iniziò una ricerca relativa agli elementi mancanti nella Tavola periodica di Mendeleev.


2 min






La chimica è...

Bell’elemento

Renio, cherchez la femme!

28 ottobre 2019


Prosegue la nostra rubrica #bellelemento: aneddoti, storie, curiosità…ma sempre Fatti, non fake!

La scoperta del renio è legata al nome di Ida Tacke Noddackchimica e fisica tedesca, che fu la prima a ipotizzare la fissione nucleare (senza essere presa in considerazione, in quanto donna). Sposò il Dr. Walter Noddack, suo capo nel laboratorio statale di chimica presso cui lavorava, con il quale iniziò una ricerca relativa agli elementi mancanti nella Tavola periodica di Mendeleev.


2 min
A
A
Una scoperta fra coniugi

Dopo diversi tentativi, Ida riuscì, insieme al marito e al fisico Otto Carl Von Berg, a identificare il settantacinquesimo elemento della Tavola, il renio (dal nome della regione di provenienza di Ida, la Renania). La scoperta fu annunciata nell’ambito di vari congressi, venendo così all’attenzione della stampa, per essere poi definitivamente confermata nel 1928.

Il renio oggi

Il renio svolge oggi un ruolo importante nei trasporti e nella sicurezza: è utilizzato come catalizzatore per produrre benzina senza piombo, nei gas-liquidi e nei motori a reazione (per esempio nel Boeing 777). É impiegato anche nei razzi di piccole dimensioni per il riposizionamento dei satelliti in orbita, come super-lega nei motori ad alte prestazioni per velivoli militari.

Per conoscere di più sulla storia di Ida Noddack visitate il Blog della Società Chimica Italiana

Scoprite di più su www.mendeleevatavola.federchimica.it