La chimica è...

Bell’elemento

Idrogeno, un pieno di futuro

21 gennaio 2019

Da oggi, ogni lunedì, racconteremo un #bellelemento della Tavola periodica: aneddoti, storie, curiosità…ma sempre Fatti, non fake!

“Credo che l’acqua sarà un giorno impiegata come combustibile, che l’idrogeno e l’ossigeno di cui è costituita, utilizzati isolatamente o simultaneamente, offriranno una sorgente di calore e di luce inesauribili e di un’intensità che il carbon fossile non può dare. L’acqua è il carbone dell’avvenire”.


2 min






La chimica è...

Bell’elemento

Idrogeno, un pieno di futuro

21 gennaio 2019


Da oggi, ogni lunedì, racconteremo un #bellelemento della Tavola periodica: aneddoti, storie, curiosità…ma sempre Fatti, non fake!

“Credo che l’acqua sarà un giorno impiegata come combustibile, che l’idrogeno e l’ossigeno di cui è costituita, utilizzati isolatamente o simultaneamente, offriranno una sorgente di calore e di luce inesauribili e di un’intensità che il carbon fossile non può dare. L’acqua è il carbone dell’avvenire”.


2 min
A
A
L'acqua, carbone dell'avvenire

Scriveva così Jules Verne nel suo romanzo “L’isola misteriosa” nel lontano 1875. Cinquant’anni dopo, in una lezione alla Cambridge University del 1923, lo scienziato John Burden Sanderson Haidane predisse l’idrogeno come combustibile del futuro.

L’intuizione era così rivoluzionaria da sollevare incredulità e diffidenza: prevedeva stormi di mulini a vento metallici che ruotando avrebbero fornito corrente ad alta tensione a giganteschi elettrodotti.  Nelle giornate ventose la potenza in eccesso sarebbe stata accumulata nella scomposizione elettrolitica dell’acqua in ossigeno e idrogeno, da utilizzare nei periodi di calma di vento in motori a scoppio collegati a dinamo o più probabilmente a celle di ossidazione.

Futuro a emissioni zero

Verne e Haidane presero un abbaglio o predissero il futuro?

Oggi potremmo definirli dei veri e propri visionari!
L’idrogeno, numero 1 della Tavola periodica, viene spesso indicato come una soluzione possibile al problema energetico e dell’inquinamento ambientale, perché rappresenta una forma di energia “pulita”.

L’unione dell’idrogeno con l’ossigeno dà vita ad una reazione chimica il cui prodotto finale è acqua, ed è proprio vapore acqueo quello che viene immesso nell’atmosfera dalle auto ad idrogeno, per nulla inquinante!

Di idrogeno come combustibile per auto si parla da molto tempo, ma è negli ultimi anni che le applicazioni hanno fatto passi da gigante, portando il mondo dell’automobile a considerare l’idrogeno come una possibile soluzione verso un futuro a emissioni zero.

Fonti:
Una boccata di idrogeno di Jeremy Rifkin
Assogastecnici

Scopri di più su mendeleevatavola.federchimica.it