Forse non sai

Chimica di tutti i giorni

Leggi l’etichetta e ti dirò cosa mangi!

28 febbraio 2019

Tra un succo alla vitamina C, uno con acido L- ascorbico o con E 300 quale scegliereste?

Non fa differenza, si tratta dello stesso ingrediente!


3 min






Forse non sai

Chimica di tutti i giorni

Leggi l’etichetta e ti dirò cosa mangi!

28 febbraio 2019


Tra un succo alla vitamina C, uno con acido L- ascorbico o con E 300 quale scegliereste?

Non fa differenza, si tratta dello stesso ingrediente!


3 min
TEMI

alimentazione
salute e sicurezza
A
A
La carta d'identità dell'alimento

A riportare informazioni sul contenuto di un prodotto è l’etichettala carta d’identità dell’alimento che ci fornisce una serie di indicazioni per comprendere come i diversi alimenti concorrano ad una dieta corretta ed equilibrata.

Molto spesso però, le informazioni possono generare confusione: sono parecchi gli ingredienti che non si conoscono e con un nome che a molti può sembrare astruso..insomma, si fa strada la convinzione che più la lista di ingredienti è lunga e “strana”, meno salutare è il prodotto. Non è affatto così.

La disciplina dell'etichetta

Tanto per cominciare, l’etichetta è disciplinata dal Regolamento europeo 1169/2011, che obbliga a fornire alcune informazioni – come il contenuto calorico, il peso netto, la data di scadenza, le condizioni di conservazione o impiego – e a riportarle chiaramente, con una dimensione minima dei caratteri che ne assicuri la leggibilità, soprattutto per gli allergeniindicati con un carattere diverso rispetto agli altri ingredienti, in modo da visualizzarne rapidamente la presenza.

Lo stesso vale per gli additivi alimentariclassificati con un codice composto dalla lettera E abbinata a un numero, come per esempio E500 per il bicarbonato o E330 per l’acido citrico.

Un atto di responsabilità

Troppe informazioni quindi? Meglio! In questo modo sarà più completo il giudizio su quel prodotto. Saper leggere correttamente le etichette rappresenta un atto di responsabilità verso il nostro benessere e verso quello delle persone che mangiano le cose che acquistiamo.
Ricordiamoci sempre, però, che per seguire una dieta sana e bilanciata non basta consultare la lista degli ingredienti,  ma è sempre bene fare riferimento anche alla tabella nutrizionale.
Dunque…buona lettura!

Per saperne di più consultate il decalogo del Ministero per orientarsi fra gli scaffali del supermercato ed evitare sorprese indesiderate a tavola.

Anche Dario Bressanini nel suo blog ha parlato di etichette alimentari:
clicca qui per vedere il video.