La chimica è...

Dieci cose che ho imparato, Piero Angela

16 gennaio 2023

“La scienza è sempre stata “conoscenza”. Cioè scoprire cose nuove. In ogni campo. E il risultato è stato fantastico.”

 

In queste poche parole, che possiamo leggere nel suo ultimo libro “Dieci cose che ho imparato”, ritroviamo tutta la curiosità e la passione che hanno fatto di Piero Angela un divulgatore straordinario, tanto amato dal pubblico, anche televisivo.

 

Come si legge nella prefazione del figlio e collaboratore Alberto, questo libro è del tutto particolare rispetto agli altri, perché racchiude qualcosa di ben più prezioso. Tra queste pagine Piero Angela ha deciso infatti di togliersi il microfono e svestire i panni del giornalista e del divulgatore per lasciarci un diario intimo del suo sapere.


4 min






La chimica è...

Dieci cose che ho imparato, Piero Angela

16 gennaio 2023


“La scienza è sempre stata “conoscenza”. Cioè scoprire cose nuove. In ogni campo. E il risultato è stato fantastico.”

 

In queste poche parole, che possiamo leggere nel suo ultimo libro “Dieci cose che ho imparato”, ritroviamo tutta la curiosità e la passione che hanno fatto di Piero Angela un divulgatore straordinario, tanto amato dal pubblico, anche televisivo.

 

Come si legge nella prefazione del figlio e collaboratore Alberto, questo libro è del tutto particolare rispetto agli altri, perché racchiude qualcosa di ben più prezioso. Tra queste pagine Piero Angela ha deciso infatti di togliersi il microfono e svestire i panni del giornalista e del divulgatore per lasciarci un diario intimo del suo sapere.


4 min
TEMI

ambiente
qualità della vita
ricerca e innovazione
A
A
La scienza è conoscenza

Leggere, documentarsi e pensare molto: questi sono gli ingredienti che hanno reso grande il lavoro di Piero Angela e che lo hanno fatto diventare fonte di ispirazione per tanti giovani divulgatori che, seguendo il suo esempio, hanno deciso di mettere il proprio sapere al servizio del grande pubblico, anche utilizzando i social media.

 

In un paragrafo del libro, l’autore spiega che ciò che gli ha permesso di capire e di amare profondamente la scienza è stato il metodo. Mentre nelle civiltà del passato mancavano i criteri e le regole utili a separare “i fatti dalle opinioni, le credenze dalle cose provate”, il metodo scientifico ci ha aiutato a separare “il probabile dall’improbabile, il credibile dalla leggenda, il vero dal falso”.

 

È stato Galileo, genio purtroppo contestato in vita, a sviluppare questo speciale setaccio che, attraverso un controllo sperimentale, ha permesso di selezionare teorie e risultati.

Scienza e tecnologia non sono monadi

Scienza e tecnologia, di cui ci ha parlato Piero Angela per oltre cinquant’anni nelle sue trasmissioni, nei suoi libri e nei suoi progetti di divulgazione, non sono monadi con un destino indipendente da ciò che le circonda, ma sono fondamentali parti integranti di un sistema complesso.

 

Un sistema affascinante dove scienza e tecnologia dialogano con l’ambiente, l’educazione, l’informazione, l’energia, la comunicazione: per affrontare la drammaticità e l’urgenza dell’incedere del reale, è necessario “disporre di un quadro d’insieme degli eventi, saper porre e porsi le domande giuste, inquadrare problemi e trovare soluzioni, saper comunicare, individuare connessioni e collegamenti, riconoscere contraddizioni e incompatibilità, aver imparato a imparare.”

A chi consigliamo “Dieci cose che ho imparato”?

“Dieci cose che ho imparato” è il vademecum da tenere sempre a portata di mano: una guida da consultare nei tempi bui per diventare cittadini consapevoli, ma anche un libro da regalare per dare un messaggio di speranza e orientamento a chi si sente confuso.