Forse non sai

Chimica di tutti i giorni

Allergia: siamo sicuri di saper riconoscere i segnali?

6 aprile 2020

Starnuti, occhi arrossati, prurito al naso, ma anche tosse e fiato corto. Non appena spunta la primavera, torna l’incubo allergia.

Secondo i dati di Assosalute (Associazione nazionale farmaci di automedicazione) l’allergia colpisce quasi la metà degli italiani (45%), coinvolgendo soprattutto i più giovani.


4 min






Forse non sai

Chimica di tutti i giorni

Allergia: siamo sicuri di saper riconoscere i segnali?

6 aprile 2020


Starnuti, occhi arrossati, prurito al naso, ma anche tosse e fiato corto. Non appena spunta la primavera, torna l’incubo allergia.

Secondo i dati di Assosalute (Associazione nazionale farmaci di automedicazione) l’allergia colpisce quasi la metà degli italiani (45%), coinvolgendo soprattutto i più giovani.


4 min
TEMI

salute e sicurezza
A
A
I segnali dell'allergia

L’aria aperta, di cui in questi giorni purtroppo riusciamo a godere poco, è il nemico numero uno per 1 italiano su 2. Ma alcuni agenti allergici possono nascondersi anche tra le mura di casa: per il 20,3% degli italiani è proprio lì che si manifestano alcuni dei sintomi più comuni delle allergie.

Ma come possiamo  sapere se si tratta davvero di allergia? Siamo in grado di riconoscere i segnali? A volte i sintomi non sono quelli classici del “raffreddore da fieno” e si differenziano dal semplice starnuto, dagli occhi rossi o dalla sensazione di naso chiuso.
Per questo abbiamo pensato di proporvi una guida semplice per comprendere meglio i segnali e prendere tutte le misure del caso.

Naso

Si comincia con una serie di starnuti, accompagnati da una forte produzione di muco liquido, quasi acquoso, diverso da quello del comune raffreddore più denso e di colore giallastro. Spesso è presente anche un forte prurito al naso associato all’ostruzione delle narici, che riduce anche la possibilità di percepire gli odori.

Occhi

Anche in questo caso il prurito è il fastidio preminente. Obbliga a sfregarsi continuamente gli occhi, aumentando l’arrossamento. In più c’è spesso una lacrimazione inarrestabile, cui si associa il fastidio a vedere in ambienti molto luminosi.

Vie respiratorie

Il primo segnale d’allarme è spesso una tosse stizzosa che può indicare una infiammazione in atto e che, nelle forme gravi, può portare ad asma bronchiale e a difficoltà respiratorie di varia entità.

Sintomi generali

A volte, durante la crisi allergica, può comparire anche una sensazione di malessere diffuso o spossatezza.

Farmaci di automedicazione

Per alleviare il fastidio provocato dalle allergie è possibile ricorrere ai farmaci di automedicazioneacquistabili senza ricetta medica (quelli con il bollino rosso sulla confezione!). Il 41,6%, in particolare, ricorre ai farmaci di automedicazione autonomamente, percentuale che aumenta tra chi soffre “molto spesso” di allergie, segno di come con il tempo, le persone diventino sempre più consapevoli della terapia migliore da seguire. Il 30% degli allergici assume farmaci di automedicazione dietro consulto del medico o del farmacista.

Tra i farmaci di automedicazione utilizzati comunemente per gestire i sintomi fastidiosi delle allergie respiratorie, ci sono gli antistaminici e gli antiallergici, da assumere sia per via orale sia per uso topico, come spray nasali, pomate e colliri.

Per saperne di più visitate Semplicementesalute.it